lunedì 17 giugno 2013

Un libro bellissimo

Recita la quarta

"...Una bambina brutta è grata a tutti per il bene che le vogliono, sta al suo posto, ringrazia per i regali che sono proprio quelli giusti per lei, è sempre felice di una proposta che le viene rivolta, non chiede attenzioni o coccole, si tiene in buona salute, almeno non dà preoccupazioni dal momento che non può dare soddisfazioni.

Una bambina brutta vede, osserva, indaga, ascolta, percepisce, intuisce; in ogni inflessione di voce, espressione del viso, gesto sfuggito al controllo, in ogni silenzio breve o lungo, cerca un indizio che la riguardi, nel bene e nel male. Teme di ascoltare qualcosa che confermi quello che sa già, e cioè che la sua esistenza è una vera disgrazia.

Spera di sentire una parola che la assolva, fosse pure di pietà.

Una bambina brutta è figlia del caso, della fatalità, del destino, di uno scherzo della natura. 

Di certo non è figlia di Dio"

A me che già l'ho letto, queste parole commuovono e suscitano una grandissima ammirazione per l'autrice che mi ha permesso di leggere il più bel libro del 2013

LA VITA ACCANTO di M.Veladiano











Buona lettura.

3 commenti:

  1. Posso dissentire un pochetto? Mi riconosco in quella bimba brutta, anche se adesso rivedendo le foto della mia infanzia e adolescenza mi rendo conto che ero un tipino grazioso...ma per vari motivi mi sentivo non amata, e quindi brutta. E poi non credo nell'esistenza della bruttezza fisica, io non conosco persone brutte in questo senso. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. L'ho letto un paio di anni fa e, tra l'altro, il libro è ambientato in posti che conosco molto bene. L'ho trovato di una delicatezza e di una bellezza straordinari anche se, come dice Graziana, sono davvero poche le bruttezze a cui non ci si abitui a furia di guardarle. Ma dietro a quella bruttezza ci sono concetti molto più profondi... non so... non riuscirei a spiegarlo. Sono d'accordo comunque, un libro davvero meritevole.

    RispondiElimina
  3. ovviamente il libro non si incentra su quanto indicato con la sinossi.è bellissimo perchè l'autrice riesce a scrivere in maniera delicata e commovente senza mai scendere nel pietismo o nel "melodramma".
    G, fidati: leggilo e dimmi cosa ne pensi!

    RispondiElimina